Circolare ‘fumo’

Condividi su Facebook

Articolo trasmesso da Alberto Campanelli

La circolare n. 17 del 18 u.s. ha puntualmente ricordato che il D.L. 9.09.2013 definisce le disposizioni in materia di divieti di fumo negli ambienti chiusi e aperti di pertinenza delle scuole di ogni ordine e grado e che, in particolare, è vietato fumare anche nei cortili, nei parcheggi e negli impianti sportivi di pertinenza delle scuole.

Sabato mattina (19-09-15 NDE) mi trovavo nell\\’Aula riunioni del Liceo per partecipare alla prima seduta convocata per il corrente anno scolastico dal Comitato genitori della nostra Scuola.

Approfittando di un breve intervallo, coincidente con quello delle 11,15 del Liceo, intendevo prendere una boccata d\\’aria in cortile: una nuvola di denso fumo aleggiava sulle teste degli studenti…

Mi sono subito recato presso la guardiola della portineria, chiedendo al personale ATA lì presente cosa intendesse fare per ricordare il divieto di fumo agli studenti: mi è stato risposto che il personale ATA, più volte intervenuto, non era stato degnato di alcun tipo di attenzione da parte degli studenti, i quali – in alcuni casi – avevano osservato che anche alcuni insegnanti fumano sigarette in cortile.

Naturalmente, non avendo alcuna voce in capitolo né tantomeno autorità per intervenire, me ne sono tornato in Aula riunioni, dove – nel frattempo – stava per iniziare la seconda parte della seduta.

Mi chiedo soltanto e chiedo a chi, eventualmente, mi stia leggendo, cosa possiamo fare noi genitori per aiutare la Scuola a far rispettare da tutti il divieto di fumo di sigaretta, anche nel cortile del Liceo.

E dire che altre circolari prevedono che la vigilanza durante gli intervalli delle lezioni spetti agli insegnanti!

Siccome non riesco a credere che vi siano insegnanti del Liceo che non rispettano il divieto di fumo, conto sulla vigilanza del nuovo Dirigente scolastico e spero che, qualche volta – soprattutto durante l\\’intervallo delle 11,15 – faccia un giretto in cortile o, quanto meno, si affacci alla finestra del suo ufficio.

Alberto Campanelli, genitore di una studentessa di 3a G scientifico.

Condividi su Facebook

Lascia un commento